Controllo magnetoscopico (MT)

Questo metodo viene utilizzato per mettere in evidenza difettologie superficiali e sub-superficiali utilizzando degli strumenti quali:giogo elettromagnetico ,puntali o banchi per controllo fissi.

Tale controllo si puo’ eseguire solo ed esclusivamente su materiali ferromagnetici.

Il principio del controllo magnetoscopico si basa sul fatto che un pezzo di materiale ferromagnetico, sottoposto a magnetizzazione,il quale presenti delle discontinuità dovute a difetti come cricche incisioni, incollature,ecc. sia motivo di una dispersione di campo magnetico all’esterno dello stesso, quindi dopo aver cosparso il pezzo in esame con particelle ferromagnetiche, queste ultime andranno a concentrarsi in maniera significativa li dove c’e’ la dispersione, facendo visualizzare al tecnico che sta’operando la presenza di difetti altrimenti non rilevabili ad occhio nudo.